TRASLOCHI

dopo giorni e giorni di latitanza, riappaio piena di rimorso e rincrescimento per aver trascurato il blog. tra esami, nonne all’ospedale, shopping con la Valeria ed espatrio da organizzare, non c’è stato molto tempo. sono in partenza… venerdì si va a New York.

per chi volesse continuare a seguire le mie avventure dalla grande EPPOL, ecco un nuovo indirizzo:

BIG BIBI APPLE

big eppol!

tadaaaa. dopo lunghi silenzi, eccomi rinascere dalle ceneri, tipo Britney Spears… womanizer womanizer you’re a womanizer ooooh. non so bene il perchè di questo hiatus, un po’ la mancanza di tempo, un po’ che sono diventata una di quelle persone che quando può dormire, dorme fino alle 11… un po’ che la mia ufficiale occupazione è portare caos nel mondo, insomma, non sapevo da dove cominciare ad esprimere concetti di senso compiuto.

vabè. ci sono buone notizie. ho trovato uno stage e passerò del tempo in un posto che adoro… e che credo sia dove la mia persona funziona nel modo migliore, è dove l’onnipotente desidera che stia, ne sono quasi certa… attendo a minuti l’angelo con la comunicazione ufficiale.
senza tanti giri di parole, dal 2 febbraio, la Principessa di Plexyglass trasloca a New York e lavorerà per 3 mesi in un’azienda di pubbliche relazioni… ufficio al Columbus Circle.  Ora, immaginatemi mentre esulto come Luca Toni con mano all’orecchio… eccomi correre sotto la curva… ecco i tifosi del Bayern Monaco lanciarmi gavettoni pieni di birra in segno di rispetto e gratitudine. Oppure, immaginate che io sia una cantante glam-rock che fa stage diving su una folla oceanica… che lancia saccottini sul palco, una tempesta di saccottini all’albicocca. questa è la mia gioia.
a livello pratico, purtroppo, siamo ancora in alto mare (e l’entusiasmo si affloscia come un sedano bagnato… di quelli un po’ vecchi che ci si dimentica nel fondo del frigo. ma perchè non danno i sedani in mono-porzioni? a che serve comprarne una pianta intera?!). non ho una casa. non oso neanche pensare ai bagagli. vedo solo roba tipo pista di pattinaggio in Central Park, il reparto scarpe di Bloomingdale’s, l’affascinantissimo acciottolato del Meatpacking District… cose così, unicorni che surfano sugli arcobaleni.

CE LA POSSO FARE.

chiavi di ricerca – ottobre 2008

perchè non bisogna dimenticare le buone tradizioni :)

- segnale passaggio canguri > perchè ci piacciono gli animali e ci teniamo all’integrità del nostro autoveicolo.

- patapizza > dite quel che vi pare, ma il patapizza è sacro. lo si digerisce dopo anni e molto spesso le patatine sono un po’ flosce, ma è un modo di pranzare nobilissimo… e fa niente se la pizza vi si gonfierà nello stomaco fino a paralizzarvi.

 – i gormiti giganti alti 20 cm > sono contro i gormiti per un motivo molto semplice, sono di una bruttezza esagerata… figurati poi se sono giganti e alti 20 cm, piantatemi delle forchette negli occhi!

- i gormiti sul trebbia > il trebbia è un ridente fiume del piacenza-shire, ci si va d’estate a fare il bagno, ci sono scorci suggestivi, ci si abbronza… se viene invaso dai gormiti è la fine.

- sarò l’angelo dei tuoi sogni > guarda, mi accontento anche di un po’ meno, se vuoi puoi iniziare con l’essere carino, intelligente e simpatico, poi si vedrà!

- bel biscotto > già, anche a me piacciono dei bei tarallucci… a chi non piacciono…

- varano di komodo > da piccola avevo visto un documentario sui varani e li amavo alla follia. ho passato un intero pomeriggio strisciando sul pavimento ed emettendo ruggiti sibilanti alla Valeria, le ho poi chiesto un varano come animale domestico, informandola che l’avrei battezzato PIETRO.

- foca sfigata > hahahahahaha.

- abbigliamento caccia scozzese > si dice che sotto il kilt non vadano messe le mutande… è tutto l’aiuto che so dare.

- culi ginnastica artistica > ho sempre sostenuto che la gente preferisca uno sport piuttosto che un altro per un vasto numero di motivazioni, tra cui compaiono anche i culetti sodi… o la presenza di esemplari tipo Cristiano Ronaldo.

- raccogliere la frutta sugli alberi > se l’albero è tuo, allora tutto bene… se è di un altro, astieniti (la Valeria ce l’ha su da dio con quelli che ci rubano le mele e i fichi in campagna, li vuole appendere alle mura dalla città).

- morbo di addison nel gatto > …………….. senza parole.

- tennisti tatuati > che dio ti benedica!

- cosa vuol dire “locca” in piacentino? > questa probabilmente l’ha cercata qualche mia compagna d’università, molto spesso parlo e mi rendo conto che la gente non mi sta capendo, forse ci si immagina che casa mia sia una baracca in mezzo ai campi e che la Valeria sia la signora della prateria.

- manuelona arcuri alla pecorina > qui la cosa bella è il MANUELONA, sembra quasi il nome di una pratica sessuale illecita… si abbiamo fatto una manuelona, UUUUUUU.

- il film con l’uomo più brutto > ma chi è?

- ciabatte da piscina con zeppa > se posso permettermi, è una pessima idea… già il bordo della piscina è scivoloso, se ti metti anche le zeppe vai in cerca di una prematura dipartita.

- stalle per mini pony veri > come sarebbe a dire MINI PONY VERI? devo vederli! cavallini vivi, tutti rosa, con criniere ricciolute, profumati, socievoli… ma dove sono, voglio prendere il tè insieme a loro!

- cuori votivi in pizzo > mi spiace, non tratto cuori votivi, qui si contrabbandano reliquie, niente oggettistica, no paramenti, ostie, tabernacoli o simili.

sono fierissima!

l’ultima settimana è stata per me fonte di enormi soddisfazioni. non solo ho preso 29 in marketing, esame rognoso, insopportabile e pedante, ma ho anche rimesso piede al disney store e festeggiato halloween come si deve, sono proprio contenta.

mercoledì nel post-esame, sfidando i disordini di piazza san babila e rassegnandomi a rimanere imbottigliata nel marasma ferroviario causato da gente che invade i binari (ma andate un po’ ad occupare casa vostra, teste di legno), ho sgomitato fino al disney store, con l’idea di comprarmi qualcosa di wall-e… una cosa piccola, sobria, magari un aggeggio per il cellulare, una penna, un poster… boh, qualcosa di modesto, poco appariscente, timido.
come però capita sempre, il mio cervello non sa distinguere quando è il caso di fare qualcosa e quando è meglio evitare… e così me ne sono andata con i seguenti articoli (target: bambino, maschio, età massimo 10 anni): wall-e trasformabile e astuccio di wall-e (che userò come bustina da borsetta… ogni donna ha una bustina che riempie delle cose più inquietanti, dal burrocacao agli psicofarmaci).

ora che ho infranto la barriera psicologica, l’idea è di comprare anche il giocattolo di Mo e il wall-e che fa i rumori. volevo anche il microfono che distorce la voce e ti fa parlare come wall-e, ma l’ho provato ed era una patacca.

comunque… c’è chi critica halloween perchè non è una festa autoctona, perchè è solo un pretesto per spendere dei soldi, bla bla bla. a me piace… per me, è più o meno halloween tutto l’anno, ma quando si arriva al giorno ufficiale, il mio gusto per la teatralità raggiunge picchi imbarazzanti (anche perchè, potete essere timidi, poco fantasiosi e tutto… ma bisogna ammettere che le feste in maschera sono sempre le migliori).
quest’anno, visto che non si è mai abbastanza ridicoli, io e il sempre fido Bibi abbiamo deciso di celebrare halloween in grande stile, serata in discoteca e tutto. purtroppo, abbiamo sopravvalutato la fantasia dei nostri coetanei e ci siamo ritrovati in mezzo a gente vestita normale… con neanche, che ne so, un po’ di trucco, un inflazionato cappello da strega, qualche ragnatela che penzola… zero. l’unico che ci ha dato veramente una gioia è stato un tizio vestito da frate… e un altro abbigliato da morte, con falce e tutto. per il resto, siamo stati i più estrosi…


bene… io ho fatto il Joker (con giacca della Valeria). Bibi si è tramutato (con vera attrezzatura medica) in chirurgo psicopatico… perchè guarda un sacco ER e si è preso bene.


per chi volesse vedersi tutto l’album e ridere di noi/con noi, ecco il link.

NUOVO BLOG!

io e Bibi abbiamo aperto un nuovo blog… tema cinema. chi non lo visita è un burfaldino.

http://bibicinema.wordpress.com

:)

altri utili consigli

- quando incroci Leone di Lernia per strada, fai finta di niente… e non importa se andate in direzioni diverse, se lui è un vecchio ciccione che tossisce, se siete già lontani, non appena darai una gomitata alla tua amica, mettendoti a sghignazzare dicendo MA VAAA ERA LEONE DI LERNIA, bene, Leone vi sentirà e vi rincorrerà dicendo LEONE LEONE LEONE UAHAHHHAAAAHA.
non sto scherzando.

- io sono per il file sharing. è il file sharing che sostenta i miei esosi interessi. senza il file sharing, probabilmente sarei dedita al meretricio… ma da un casino di tempo. bene, pongo il veto su Wall-E, Wall-E lo dovete vedere al cinema, perchè dare soldi alla Pixar è cosa buona e giusta. voglio dare soldi alla Pixar e dovete farlo anche voi.
quindi organizzativi in falangi macedoni, leggete l’arte della guerra di lao tzu, andate a fare la coda alla multisala più vicina e spazzate via chinque voglia rubarvi i posti al centro un po’ in fondo. e chi vuole limonare, per cortesia abbia la decenza di domandare le poltroncine di lato, non è un film da limone selvaggio, qui ci sono sentimenti veri, coccolosità, avversità e vicissitudini.

-  create il vostro animaletto su facebook. tipo un coniglietto azzurro. dategli le carotine, fatelo giocare col frisbee, regalategli costosissimi vestitini, riempite la sua casa di gadget… ma battezzatelo RASPUTIN.

-  se siete malati, smettetela di fare gli eroi. accettate il vostro destino, mettetevi sul divano con una coperta sulla pancia e state immobili finchè il peggio sarà passato. non ostinatevi ad andare all’università, a prendere pestilenziali mezzi pubblici e cose simili… o vi rovinerete il weekend. e farete sgobbare un casino di più quelli che sono a fare i lavori di gruppo con voi. e non è bello. a me sta dispiacendo davvero. e so che dopo me ne dispiacerò ancora di più.

- mettetevi davanti al televisore HD comprato dal Mimmo e guardatevi i tennisti.

-  se volete bene a qualcuno, aprite un blog insieme.

-  e basta illudersi che marketing un bel giorno vi piacerà. continuerà a fare schifo e si rifiuterà di impararsi da solo. quindi coraggio, rendiamo produttivo l’odio che ci anima.

compiti a casa

- mettetevi in treno, davanti a due corpulente suore sulla settantina, e leggete il nuovo libro di chuck palahniuk… non ha prezzo.

- se fate l’aperitivo, in una libreria-bar, e in vetrina c’è una col culo fuori (che somiglia in modo preoccupante a una slot machine del bellagio), inventatevi qualcosa e fatele una foto… possibilmente includendo anche i libri esposti (se c’è quello nuovo di federico moccia, ancora meglio, rende l’idea).

- andate al museo del cinema di torino e sedetevi a meditare su evocative sedie fatte a water.

- rinunciate a decidere quale animaletto è più carino, create una chimera. la mia chimera cucciolo è composta da una fochina monaca, un coniglietto nano, un trigrotto e un pinguino neonato. in ogni caso, la chimera dovrà nutrirsi di funghetti verdi, quelli che super mario usa come tappeto elastico.

- fatevi convincere a mangiare un kebab (meglio iniziare da quello base: carne, insalata e pomodoro. per i peperoni e la cipolla c’è tempo e siamo tutti troppo giovani per una colite spastica).

- pianificate con attenzione il vostro costume di halloween. e no, non è una festa commerciale, è solo l’unica occasione sensata in cui potrete liberare il vostro ego e vestirvi da joker (ancora meglio, da joker-infermiera… ma ci vogliono le gambe storte che solo gli uomini hanno).

- disegnate in modo casuale su ogni pezzo schifoso di carta che trovate. tutti apprezzeranno la vostra scelta stilistica e vi chiederanno un mucchio di cose.

- cercate di imparare a ballare la polka con le scuole di danza di youtube. non ce la farete, non da soli, non in coppia, mai, non importa quante volte vi fanno rivedere i passi.

- mangiate carne salata perchè è buona.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.